Il Cavalier King:come insegnargli a sporcare fuori

Dobbiamo innanzitutto sapere che un cucciolo di Cavalier King ci metterà dai due ai quattro mesi per imparare a non sporcare mai in casa…Un po’ perché a 60-70 giorni,età in cui di norma arrivano nelle nuove case,non sono proprio in grado di trattenersi un po’ perché dovranno abituarsi al nuovo ambiente,alle nuove persone e vincere quelle che sono paure ataviche. Si perché nella loro testolina di cucciolo l’istinto gli dice che lasciare tracce di loro stessi(quindi pipì o popò)significa esporsi a tutti i predatori possibili e immaginabili cosa quindi molto rischiosa. Avranno bisogno di tempo per capire che di predatori in quella zona non ce ne sono e che possono sporcare tranquillamente. Molto spesso le persone commettono l’errore di uscire con il cucciolo e portarlo a spasso per mezz’ora un ora,fermandosi sempre in punti diversi e tirando il cane appena mette il naso a terra. Niente di più sbagliato!E’ infatti fondalmentale scegliere un punto del parco,portarlo sempre lì e lasciare il cucciolo annusare tutta l’area. Vi annoierete a morte?ebbene si! ma fatto un giorno,due giorni,tre giorni,una settimana si annoierà pure lui e deciderà che tutto sommato può anche fare una pipì(per la pupù ci vorrà un po’ più di coraggio,stiamo pur sempre parlando di un cucciolo di cavalier king).

Ovviamente se il cucciolo è libero di sporcare in casa quando e come gli pare sarà difficile che fuori abbia qualcosa da fare quindi il consiglio è di portarcelo immediatamente dopo che avrà mangiato…Sappiamo bene infatti che di norma un cucciolo mangia e dopo 15 minuti circa deve fare i suoi bisogni. Preparatevi,le prime volte non farà assolutamente nulla,arriverà a casa e la mollerà sulla prima traversina che trova(sempre che ci arrivi).

E’ chiaro che dovrete essere generosi di complimenti ogni volta che sporcherà fuori e molto arrabbiati quando sporcherà in casa…Da cucciolo il Cavalier King si mortifica per nulla ed è facile farlo sentire a disagio. A quanti di voi staranno pensando”ah no il mio no, ha un caratterino!!”due sono le cose:o il vostro non è un vero cavalier king(se viene da negozio o privato altamente probabile)oppure siete voi ad avere ZERO credibilità per il vostro cane. Cresco cuccioli di cavalier king da 14 anni e non ce ne è stato mai uno che non si mortificasse per un urlaccio. Di norma a casa mia a 4 mesi le pipì e le popò in casa sono rarissime,da voi non si pretende certo questo ma a 6 mesi il vostro cane dovrebbe sporcare molto più fuori che in casa,altrimenti sarà il caso di rivedere un po’ di cose.

 

E’ importante la costanza e la coerenza,il cucciolo va sempre sgridato quando fa i bisognini dove non deve. Se iniziamo a sgridarlo una volta si e una no non ci capirà più nulla…per il cane è importante avere poche regole ma ben chiare.

 

Il nostro consiglio è di tenere il vostro cucciolo di cavalier king circoscritto in un area ben definita quando non vi è possibile seguirlo. Preferibilmente un piccolo box da casa dove ci saranno le sue traversine,la ciotolina dell’acqua e della pappa,una cuccetta e dei giochi. Tale box avrà una porticina che sarà aperta quando noi saremo in casa e chiusa quando saremo fuori casa. Quello sarà il suo posticino ed è lì che dovrà sporcare quando sarà in casa e lì dovrà imparare a stare buono ed educato tutte le volte che noi non potremo stargli dietro per “educarlo”. Ovviamente questo piccolo box sparisce quando il cucciolo avrà circa 6 mesi e avrà ben chiaro cosa può e cosa non può fare in casa. I cuccioli sono come i bambini,non hanno idea dei pericoli e lasciare un cucciolo libero di girare per la casa incustodito può essere pericolosissimo per lui oltre che molto diseducativo(i casi di cuccioli che si sono avvelenati con medicine lasciate sul tavolino,oppure morti per una spugna mangiata non si contano). Nel suo box dovrà anche mangiare,così siamo certi che sporcherà lì e non in giro per casa. Si condizionerà in questo modo a sporcare nel punto della casa da noi deciso e non ovunque e piano piano si inizierà l’addestramento a sporcare fuori.

Molti credono che chiudere  il cucciolo di cavalier king in una stanza sia meglio del recinto. Ho sperimentato anche questo e devo dire che io lo trovo molto più complicato come sistema. Capita e capiterà anche a voi di essere in casa ma  non avere modo di seguire il piccoletto e decidere quindi di chiuderlo per stare più  tranquilli che non si faccia male e non faccia piccoli danni.Se lo si mette in un box sta lì e ci guarda ed è comunque in nostra compagnia,se lo chiudiamo in un altra stanza invece piagnucola perché giustamente si sente solo. Per 4 mesi credo si possa fare il sacrificio di tenere questo piccolo box in casa(occupa circa un rettangolo di 1 metro per 50 cm).

Ovviamente poi ogni cucciolo,se pur sempre di cavalier king, è diverso come ogni proprietario. Quindi certi casi vanno visti e seguiti singolarmente. Proprio per questo facciamo questi incontri mensili con i nostri clienti nei parchi di Roma,per valutare meglio caso per caso il da farsi. Spesso ci si spiega bene anche con una telefonata,altre volte se vediamo come interagite con il vostro cucciolo possiamo correggervi e consigliarvi meglio. Queste sono indicazioni generali che se ben applicate risolvono il problema bisogni nell’80% dei casi.

Quando il cavalier king è cucciolo e lo vediamo così piccolo e tenero non ci rendiamo conto di come sarà quando non sarà più una palletta adorata ma un cane adulto,magari di due anni che fa una certa quantità di pipì e pupù e quello che ora ci sembra un problema da niente può diventare un problema molto serio a cane adulto. Un cane adulto si educa con più difficoltà e rientrare in casa stanchi e dover anche pensare a pulire dai bisogni del cane vi assicuro che è tutt’altro che divertente e potrebbe creare notevoli conflitti a lungo andare. Essere più rigidi ora che i vostri cavalier king sono cuccioli gli assicurerà di rimanere sempre con voi e di essere sempre ben voluti e amati da tutti,compresi amici e parenti se un giorno mai dovreste avere necessità di lasciarglieli!

 

 

 

Commenti (2)

Lascia un commento